Fare Comunità


 
foto fare comunità
 
 

progetti per il potenziamento delle prestazioni e dei servizi di scala urbana, tra i quali lo sviluppo di pratiche del terzo settore e del servizio civile, per l’inclusione sociale e la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano e urbano

 
 

La rigenerazione urbana passa attraverso iniziative e attività culturali ed educative mosse non solo da soggetti pubblici, ma dalle persone. È la mobilità sostenibile, sono i servizi culturali, educativi e didattici. È il prendersi cura della Città.

 

Il filo conduttore che guida questa macro area è l’empowerment di comunità, ovvero un processo dell’azione sociale attraverso il quale le persone, le organizzazioni e le comunità acquisiscono competenze con il fine di cambiare il proprio ambiente sociale e politico per migliorare l’equità e la qualità di vita (Zimmerman M.A., 2000).

 

Neet attivi


 
foto Neet
 
 

Chi sono i “NEET”?
L’acronimo NEET sta per Not engaged in Education Employment or Training, ossia non impegnato in percorsi educativi, lavorativi o di apprendistato indica una categoria molto vasta di persone di età compresa fra i 15 e i 29 anni che non si trova coinvolta nè all’interno del sistema scolastico né all’interno di percorsi lavorativi o di apprendistato.Si stima che il fenomeno coinvolga solo in Italia circa due milioni di giovani. Tuttavia, bisogna sottolineare che i motivi che conducono le persone a ritrovarsi in questa condizione sono molteplici e di varia natura: demotivazione, problemi familiari, lavoro nero, fuoriuscita prematura dal percorso scolastico e altri.
Con l'obiettivo di avvicinarci ai legame sociale si cercherà di osservare e instaurare quindi una relazione di fiducia che permetterà la co-costruzione di nuovi possibili percorsi di autonomia

Informativa di selezione di 12 collaboratori socio-culturali
Si propongono 12 tirocini retribuiti presso uno degli enti ospitanti che lavorano nella realizzazione del progetto Collegno Si-cura

Il tipo di impiego previsto è full time (38h/settimana) per 6 mesi, nel quale saranno svolte attività socio-culturali del progetto Collegno si-cura, formazioni su temi legati ad aspetti dell’attività socio-culturale sul territorio, attività volte a conoscere la dimensione del lavoro nelle cooperative sociali.

Le domande di adesione dovranno essere consegnate presso l’Informagiovani di Collegno in Corso Francia 275/A (Villaggio Leumann) dal lunedì al venerdì con orario 16.00-18.30.
 
I moduli di adesione potranno essere consegnati a partire dal 10 novembre 2019 fino a esaurimento dei 12 tirocini attivabili: al modulo di adesione bisognerà allegare la fotocopia di un documento d’identità e una copia aggiornata del proprio curriculum vitae. 
 
 
Info e adesioni: 
Centro di Incontro Informagiovani 
dal lunedì al venerdì dalle 16:00 alle 18:30 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 


 

Portierato sociale


 
foto portierato sociale
 
 

Alloggio per accompagnamento sociale “Portineria Sociale di Quartiere”

Da quando, nell'aprile del 2015, a Parigi è nato il primo chiosco di quartiere Lulu dans ma rue: una vecchia edicola adibita a portineria di quartiere, ossia punto di riferimento per i cittadini per risolvere i piccoli problemi quotidiani e recuperare una dimensione di comunità solidale, l'idea ha riscontrato molto successo ed è stata esportata anche in diverse città italiane. A Milano, Roma, Bologna, Genova, Novara, ma anche in centri più piccoli come Perugia e Cuneo, sono nati progetti di portineria sociale di quartiere, per declinare nel contesto e nelle specificità di ciascun territorio, quell'idea parigina di ricostruire un legame sociale nel quartiere mettendo in contatto bisogni e competenze portati dai cittadini stessi e creando il supporto organizzativo e logistico per favorire lo scambio di piccoli favori e aiuti tra i cittadini e per facilitare la conciliazione dei tempi tra casa e impegni quotidiani; elementi cardine per costruire legami di solidarietà, cittadinanza attiva e senso di fiducia e sicurezza in un territorio. Non c’è un modello standard di portineria di quartiere, ciascuna realtà infatti ha costruito un proprio modello, in base al contesto urbano e al soggetto promotore - ente pubblico o privato sociale o piccola impresa commerciale - ma si possono delineare alcuni tratti accomunanti: condivisione, prossimità e fiducia sono i concetti su cui si basano le esperienze portineria di quartiere e l'idea che solidarietà e senso di cittadinanza si creino proprio a partire dal condividere le piccole incombenze quotidiane e che questa pratica sia un “fare comunità” molto efficace. A partire da queste esperienze e da una impostazione, ispirata a requisiti di territorialità, prossimità, personalizzazione e differenziazione degli interventi, vorremmo costruire nel contesto del Quartiere Villaggio Dora, utilizzando l'alloggio per l'accompagnamento sociale, un progetto di Portineria Sociale di Quartiere.

 

Ricerca-Azione


 
foto retake parco dalla chiesa
 
 

"Ma è questo dialogare incessante circonda e persino sulle sfide e sui problemi che ne derivano" (P.Freire)

Per ricerca - azione si intende un modo di concepire la ricerca che si pone l'obiettivo non tanto di approfondire determinate conoscenze teoriche, ma di analizzare una pratica relativa ad un campo di esperienza (ad esempio, la pratica educativa) da parte di un attore sociale con lo scopo di introdurre, nella pratica stessa, dei cambiamenti migliorativi.
Nell'ambito del processo/progetto educativo la prospettiva della ricerca – azione si è rivelata produttiva anche in campo formativo, in quanto permette ai soggetti in formazione di essere "attori" del processo formativo.
In campo educativo, la ricerca – azione costituisce un elemento cardine della pedagogia istituzionale, sia per quanto riguarda la formazione del personale, sia per quanto riguarda l'analisi della pratica educativa e il suo miglioramento.

Si è svolto, venerdì 29 novembre presso la sede B.A.S.Co, il secondo momento di formazione con lo Studio Kappa: un percorso formativo ha coinvolto i 15 animatori socio-culturali impegnati nella "ricerca-azione" sul territorio di Collegno. La ricerca-azione ha come finalità il coinvolgimento dei cittadini in percorsi di partecipazione attiva per le politiche della città. Non si tratta di questionari ma di un ascolto che parte dal presupposto che il cittadino possa raccontare ed esprimere valutazioni e sensazioni che non potrebbero collocarsi in strumenti più analitici e statistici. I 15 animatori socio-culturali coinvolti nel progetto Collegno si-cura, saranno presenti quotidianamente nei quartieri, visibili, riconoscibili con il cartellino di Collegno si-cura, per incontrare i cittadini ascoltando le loro storie, impressioni, e idee sulla nostra Città. 

 

Teatro di giornata


 
immagine palazzi sotto la luna
 
 
 
 

Il progetto Teatro di Giornata consiste nella creazione di eventi artisti e culturali che nascano dall’incontro tra un gruppo di artisti, un territorio di riferimento e la comunità che lo abita, coniugando l’attenzione al valore artistico dell’evento con quello sociale del processo di lavoro.L’intenzione è quella di creare e realizzare una socialità diversa attraverso una nuova occasione rituale di incontro e la realizzazione di un evento culturale che risponda a tematiche di attualità ed interesse per la comunità stessa.Teatro di giornata intende coinvolgere la comunità locale attivamente, valorizzandone le esperienze personali e collettive attraverso la rielaborazione artistica.Il teatro non è in questo caso un metodo o uno strumento di lavoro ma è una condizione che si vive, in cui si fa un’esperienza di messa in gioco e messa in azione in una dimensione rituale, corale, relazionale.Il presupposto è che il processo creativo non è solo ambito dei professionisti: l’essenziale dell’azione culturale si trova al centro del processo di creazione. Attraverso il coinvolgimento delle persone in spettacoli ed installazioni artistiche che nascono grazie al loro contributo ed alla loro partecipazione si promuovono il senso di appartenenza e la collaborazione all’interno della comunità stessa.

http://teatrodigiornata.it

 
 

Prossimo evento in programma il 15 febbraio 2020

 
immagine della locandina
 
 
 

Un gruppo di attori alla scoperta dei quartieri di Regina Margherita e Santa Maria, delle storie e delle persone che li abitano.
Ti aspettiamo il 15 febbraio 2020 alle ore 21:00 nel Centro Civico Centelenghe, in via Gobetti 2 a Collegno

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 0114015300

Informativa breve per cookies